5x1000 slide_3 slide_belgio slide-corner slide_4 slide_7 11042021

Nel 2019 si è costituito ACTI Italia Sport, vieni a vedere di cosa si occupa

Speciale Coronavirus per noi trapiantati

Clicca per scaricare il tesserino

   

Appello al Ministro della Salute

per vaccinazione prioritaria COVID-19

alle persone trapiantate

  

 

ACTI Italia sostiene l'appello promosso da ANED, al Ministro della Salute. Qui il testo completo:

 

Illustrissimo Ministro,

ci rivolgiamo a Lei per un appello urgente che siamo certi non cadrà nel vuoto: inserisca le persone che hanno subito un trapianto di organi e quelle sottoposte a dialisi all’interno delle categorie cui somministrare in via prioritaria il vaccino anti Covid-19.

In questa fase di grande incertezza ribadiamo la necessità che siano messi in atto comportamenti univoci su tutto il territorio nazionale.

Secondo un recente censimento effettuato insieme alla SIN, Società italiana di Nefrologia, 47.827 pazienti sono attualmente sottoposti a emodialisi e dialisi peritoneale all’interno dei circa 600 centri pubblici e privati presenti nel nostro Paese. Parallelamente, il Centro Nazionale Trapianti comunica che in Italia ci sono ad oggi circa 44.000 persone che hanno subito un trapianto di organi e altre 8.500 che risultano in attesa di trapianto.

Sono oltre 100.000 le persone, molte delle quali immunodepresse a causa della terapia farmacologica cui sono sottoposte, che rischiano di essere duramente colpite dalla terza ondata di contagi da Covid-19. Un’ondata che, se si guarda ai dati provenienti da numerose regioni italiane e dal resto d’Europa, si profila con molta probabilità all’orizzonte nei prossimi mesi.

I dati raccolti dal Centro Nazionale Trapianti dall’inizio della pandemia al 22 giugno u.s. dimostrano che l’incidenza cumulativa di infezione negli 8.500 pazienti in attesa di trapianto di organo solido nel nostro Paese è pari all’1,85%, cioè più di 4 volte superiore a quella della popolazione generale nello stesso periodo, con un tasso di mortalità vicino al 20%.  

Ugualmente i dati raccolti dalla SIN relativi alla prima ondata di contagi purtroppo non lasciano spazio ai dubbi. Su 1.084 pazienti sottoposti a dialisi extracorporea, risultati Covid positivi al 29 aprile 2020, 381 hanno perso la vita pari al 37,7% in una fase in cui, a livello nazionale, la mortalità determinata dal virus non superava il 14%.

Alla luce di quanto esposto i pazienti si aspettano una comunicazione urgente e ufficiale del Ministero, in modo da colmare i loro legittimi interrogativi e consentire allo stesso tempo ai medici e gli altri operatori sanitari, che garantiscono quotidianamente le cure a dializzati e trapiantati, di agire in modo uniforme sull’intero territorio nazionale e non unicamente secondo le decisioni della singola regione o della struttura sanitaria nella quale si trovano ad operare.  

È dunque urgente non indugiare nel dare indicazioni univoche oltre che a predisporre in modo concreto la campagna per la vaccinazione immediata e in sicurezza di queste persone, in modo che appena il vaccino sarà disponibile si possa partire. È una questione vitale.

L’appello è sostenuto e condiviso dalla Senatrice Mariapia Garavaglia, ex Ministro della Salute

 

E’ possibile aderire all’appello commentando sotto all’articolo o sottoscriverlo al seguente link su change.org